Medici Senza Frontiere continua a svolgere programmi anti-tubercolosi (TB), di salute mentale e di cure cardiache in Cecenia.
 

La presenza di MSF nel Paese

  • Operiamo nel paese dal 1992.
  • Nel 2016 abbiamo effettuato 4.800 consultazioni individuali di salute mentale. 

Cosa facciamo 

Da molti anni, MSF collabora a stretto contatto con il Ministero della Sanità ceceno, attuando un programma di trattamento della TB. Dopo aver trasferito al ministero la gestione della TB multiresistente ai farmaci (MDR-TB), MSF si è concentrata sulla tubercolosi estensivamente resistente ai farmaci (XDR-TB), un tipo di TB che resiste ai farmaci di seconda linea. MSF ha procurato i medicinali appropriati, inclusi farmaci nuovi e riconvertiti, per sviluppare regimi più efficaci del trattamento tradizionale per i pazienti affetti da XDR-TB. Il programma anti-TB include anche supporto di laboratorio, promozione della salute e assistenza psicosociale per i pazienti e le loro famiglie
 
Nel 2016, MSF ha continuato a prestare attenzione ai pazienti con comorbilità diabetica, controllando regolarmente la glicemia e adeguando la terapia secondo le necessità, e aiutandoli a gestire la patologia.
Nel mese di dicembre 2016, un totale di 60 pazienti affetti da diabete e TB e 79 pazienti affetti da XDR-TB era sottoposto a terapia.
Nel 2016, le équipe hanno fornito assistenza psicosociale individuale a 4.838 pazienti e 314 sedute di consulenza per le vittime di violenza nel programma di salute mentale
 
Cure cardiache in Cecenia
MSF ha continuato a sostenere le cure cardiache nell'ospedale di emergenza della capitale, Grozny, e nell'ospedale di Urus-Martan, fornendo farmaci e attrezzature mediche e migliorando la qualità dell’assistenza per i pazienti gravi. È stato inoltre organizzato un master con specialisti dell'Università Medica di Dusseldorf per migliorare le competenze tecniche dell'équipe di cardiologia interventistica di Grozny. L'attenzione è stata incentrata sull'angiografia (tecnica per esaminare l'interno delle arterie coronarie) e l'angioplastica (procedura per allargare le arterie coronariche ristrette o ostruite).
Nel 2016, l'unità di rianimazione cardiaca ha ricoverato 1.327 pazienti gravi, 413 dei quali sono stati sottoposti ad angiografia e 397 ad angioplastica. 

 

Le storie dei pazienti 

Nel mese di giugno 2014, il 32enne Ruslan Ozdoyev è stato il primo paziente di MSF affetto da XDR-TB in Cecenia a iniziare un nuovo regime di trattamento contenente il bedaquiline.
 
Dopo due mesi dall'inizio del trattamento, l'esame per la TB era negativo. Il 15 luglio 2016, Ruslan è stato dichiarato guarito.
 
"Sono stato ricoverato in ospedale con la diagnosi più complicata di TB. Pesavo 75 kg prima della malattia. Dopo essermi ammalato, il mio peso era sceso a 40 kg. Assumevo farmaci, ma non c'era alcun miglioramento. Nel mese di luglio del 2014, mi hanno somministrato una nuova terapia. All'inizio è stata molto dura. Avevo nausea e vomitavo, ma ho cominciato a migliorare dopo qualche tempo. Il mio peso è salito a 70 kg. Voglio ringraziare tutti coloro che si sono occupati di me. Ora questo è il trattamento che funziona davvero".
 
 
 

La mappa dei nostri interventi