L'Honduras vive anni di instabilità politica, economica e sociale e ha uno dei più alti tassi di violenza al mondo. Questo ha enormi conseguenze mediche, psicologiche e sociali per la popolazione.

La presenza di MSF nel Paese

  • Anno del primo intervento di MSF nel paese: 1974
  • Nel 2016 abbiamo trattato 900 vittime di violenza, tra cui 540 vittime di violenza sessuale, ed effettuato 1.830 consulti di salute mentale

 

Cosa facciamo

Nel 2016, MSF ha continuato a portare avanti il Servicio Prioritario (servizio prioritario) in collaborazione con il Ministero della Salute dell'Honduras, offrendo assistenza medica e psicologica di emergenza alle vittime di violenza, anche sessuale. Questo servizio gratuito e riservato è disponibile presso due centri sanitari e nell'ospedale principale di Tegucigalpa.

MSF ha trattato oltre 900 vittime di violenza, di cui 560 di violenza sessuale, e ha effettuato 1.830 consulti di salute mentale. Il trattamento medico a seguito di stupro include la profilassi post-esposizione per prevenire l'infezione da HIV e fornisce protezione contro altre infezioni trasmesse sessualmente, l'epatite B e il tetano. L'assistenza sanitaria mentale comprende consulenza, terapie di gruppo e primo soccorso psicologico.

I team di salute mentale di MSF organizzano sessioni individuali e laboratori di gruppo per aiutare le vittime di violenza

 

Inoltre, nella città di Tegucigalpa, MSF ha svolto attività per migliorare il controllo della diffusione della zanzara Aedes, l'insetto responsabile della trasmissione di zika, dengue e chikungunya. Tali attività comprendevano un'analisi dei vettori geografici, per raccogliere informazioni sulle aree possibili in cui è necessario un maggiore impegno, e per informare le persone sulla fumigazione e su altri modi per controllare la diffusione della zanzara.

La pillola contraccettiva di emergenza resta vietata in Honduras, nonostante il dibattito in corso al Congresso Nazionale per cambiare la politica sulla contraccezione d'emergenza.

Brenda, psicologa di MSF, ascolta una paziente a Tegucigalpa

MSF continua a sostenere e chiedere l’accesso alle cure mediche per le vittime di violenza sessuale (compresa la contraccezione di emergenza) in conformità con i protocolli internazionali, evidenziando le conseguenze psicologiche e mediche della gravidanza in seguito allo stupro.

 

La mappa dei nostri interventi

Notizie & Pubblicazioni correlate